Corso gratuito ‘Green Engagement’

greenengagement

Quali implicazioni psicologiche ha il cambiamento verso l’economia sostenibile e socialmente responsabile?

Il corso, rivolto a imprenditori e manager aziendali, offre strumenti di lettura per interpretare i cambiamenti in atto: visione di futuro, responsabilità sociale d‘impresa, impatto sociale, e in particolare come tali cambiamenti incidano su motivazione, partecipazione e coinvolgimento nel lavoro.

 

Modulo 1

Cambiamento di paradigma e implicazioni psicologiche

4 maggio 2017 – h.10.00-12.00

Modulo 2 

Oltre la CSR: autenticità vs apparenza

11 maggio 2017 – h.10.00-12.00

Modulo 3

L’impresa del futuro

17 maggio 2017 – h.10.00-12.00

 

Dove

Presso Mare Culturale Urbano 

via Giuseppe Gabetti 15 (Cascina Torrette)

Milano

 

Iscrizioni 

info@greenjobs.it

(il corso è gratuito)

 

Docente

Matteo Plevano (Psicologo del Lavoro – Founder Green Jobs Hub e Greenjobs.it)

www.greenjobshub.it

Mare-Culturale-Urbano-Milano

Annunci

Al via il 2° anno di Sportello Green Jobs di Milano

smart_city_green

All’interno di un ampio progetto sul tema dei Green Jobs, sostenuto da Fondazione Cariplo, Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia e Associazione Greenin’People danno il via al secondo anno di Sportello Green Jobs di Milano, forti del successo dello scorso anno.

Lo Sportello offre una consulenza di carriera personalizzata sul tema della Green Economy. In particolare i servizi offerti sono:

  • Supporto orientativo personalizzato
  • Indicazioni sull’andamento dei diversi settori legati alla green economy (es. efficienza energetica, energie rinnovabili, agroalimentare biologico, green building, rifiuti, turismo sostenibile, GDO, ecc…)
  • Figure professionali più ricercate e mercato del lavoro
  • Riconversione di figure professionali esistenti in ambito green
  • Come ricercare lavoro nella green economy
  • Mentoring imprenditoriale nella green economy
  • Per gli studenti, supporto nella scelta del percorso di studi/universitario

Lo Sportello vuole informare gli utenti sulle opportunità offerte dalla green economy affinché possano cogliere tali opportunità, e costruire un progetto professionale coerente, solido e dall’impatto sociale. L’approccio, basato sull’empowerment legato al concetto di economia verde, vuole essere un ‘acceleratore motivazionale‘ per attivare le persone verso le molteplici occasioni offerte dal cambiamento verso l’economia sostenibile e rappresenta per questo un’importante innovazione nei servizi per il lavoro. Inoltre la collaborazione con il portale Greenjobs.it, consente alle aziende di pubblicare gratuitamente annunci di lavoro, in modo da avere maggiore visibilità e trovare facilmente le figure ricercate.

Lo Sportello è gestito da Matteo Plevano, psicologo del lavoro, responsabile del portale Greenjobs.it e degli Sportelli Green Jobs di Trento e Ivrea (TO).

Informazioni utili:

Apertura venerdì 6 novembre 2015. Aperto tutti i venerdì (salvo festività e il mese di agosto), orario 9.00-13.00 e 14.00-17.00.

Lo Sportello si trova presso l’Antenna di Città dei Mestieri all’interno del Workcoffee in Via dell’Unione, 4 – Milano (*nel mese di novembre presso gli uffici CESVIP sopra il Workcoffee, causa ristrutturazione locali).

Servizio gratuito.

Scarica la brochure: Sportello Green Jobs Milano

http://www.cittadeimestieri.it 

http://www.greenjobs.it

134125092-db9a03c3-4e47-4837-8fe0-5132d5e16059

con il contributo di

fclogo

Milano, Trento, Ivrea: storia di idee e di coraggio

Un’idea nuova ha bisogno di essere ascoltata e di qualcuno che abbia il coraggio di metterla in atto. Un coraggio notevole: il nuovo spaventa, è un rischio, è una scommessa condivisa. Se l’innovazione è reale, e non un semplice make up, non viene colta in modo immediato, è necessaria riflessione e approfondimento, e non è semplice da comunicare. Tutti amano la strada segnata, è consolidata e rassicurante, ma talvolta inadeguata e insufficiente a rispondere ai cambiamenti della società.

L’innovazione deve essere determinata, esplosiva, solida, deve credere fermamente di essere nella direzione giusta per riuscire a rompere il muro più difficile: quello dello status quo.

100 è il numero di porte a cui abbiamo bussato. Quasi sempre c’è stata curiosità, interesse, condivisione delle idee… ma, alla prova dei fatti, mai il coraggio di agire.

Tranne una volta.

Milano è la nostra città e in questi anni è più che mai un turbine di idee, progetti, innovazione, vitalità. Una città che anni fa ha sofferto, appariva appannata da corruzione e individualismo, si è un po’ seduta, ma che oggi, anche grazie a Expo, è tornata a correre tra le grandi città europee e del mondo. La prima porta si è aperta proprio qui, e non a caso in un contesto internazionale come quello di Città dei Mestieri, che rappresenta una rete di centri di orientamento nati a Parigi venti anni fa e oggi presenti in Europa e parte del mondo. Ma attenzione, il coraggio è stato tutto italiano (e di un direttore appassionato e lungimirante) nel dare avvio a qualcosa che altrove non esisteva! Così è nato il primo Sportello Green Jobs.

Trento è il simbolo di una Regione, il Trentino Alto Adige, che si può definire come il modello italiano più avanzato di economia verde. La sensibilità a questi temi, anche per il territorio meraviglioso che possiede, è pervasiva e si respira realmente in tutti i contesti. Il desiderio di preservare la natura e adottare uno stile di vita sostenibile è un valore che accomuna la maggior parte delle persone che abitano questi luoghi. E non manca la voglia di fare: solo in pochi contesti in Italia c’è un simile fermento di start up, incubatori, progetti innovativi, molti dei quali legati proprio alla green economy. Uno su tutti: Progetto Manifattura (oggi di Trentino Sviluppo), primo incubatore di imprese guidato da una precisa visione: muovere l’economia in una direzione sostenibile. E grazie a loro è stato sviluppato un secondo Sportello Green Jobs, in occasione del Festival dell’Economia di Trento.

Ivrea è una piccola e graziosa cittadina ai piedi delle montagne, di poco più di venti mila abitanti, il cui nome al tempo dei romani, Eporedia, deriva dall’antica attività di allevamento di cavalli. Ivrea è la città deve sono avvenute alcune tra le più importanti innovazioni tecnologiche e concettuali a livello mondiale dell’ultimo secolo. Grazie ad Adriano Olivetti, l’Italia ha guidato la rivoluzione informatica nella sua fase iniziale (ad esempio nel 1965 è stato prodotto il primo Personal Computer della storia), dieci anni prima degli amici americani Jobs e Gates. Non solo, qui è nato un modello di impresa visionaria che solo oggi viene capita, grazie a griglie e concetti che fino a pochissimi anni fa non esistevano: corporate social responsibility, social innovation, green economy, people management ecc… Se non bastasse, una manciata di anni fa, qui è nato Arduino, hardware opensource che prende il nome dalla via principale della città, che ha consentito al movimento dei makers e artigiani digitali di svilupparsi in tutto il mondo, modificandolo profondamente.

Qui abbiamo avuto l’onore di aver visto nascere il terzo Sportello Green Jobs, grazie all’amministrazione comunale.

Ci piace pensare che il nostro piccolo progetto non sia presente in queste tre città per caso, ma che abbia trovato terreno fertile laddove l’innovazione e la sensibilità sono di casa. Ne siamo fieri e orgogliosi, e speriamo di poter contribuire, nel nostro piccolo, alla grandezza che queste tre città hanno rappresentato in passato e rappresentano tutt’ora.

Per questo vi diciamo: Grazie!

Milano Trento Ivrea

L’innovazione pensata, agita e dimostrata

socinnovation720x340-620x300

Innovare spesso è un atto di creatività.

Come tutti gli atti di creatività significa mettere insieme elementi apparentemente sconnessi e distanti tra loro per generare un’idea nuova, che inizia a muovere i primi passi con le proprie gambe e che può camminare anche molto lontano rispetto ai concetti separati che l’hanno generata.

Questo è accaduto con il nostro progetto. Ma andiamo con ordine.

Circa sei anni fa abbiamo pensato che per incidere nella società e dare una svolta nel senso della sostenibilità e della responsabilità sociale fosse necessario farlo per lavoro, non come volontariato nei ritagli di tempo. Non ha senso desiderare il bene della collettività e contemporaneamente lavorare per aziende che sono completamente disinteressate al benessere collettivo e che sono talvolta al limite della legalità. Quindi abbiamo pensato ad una nuova Categoria di Lavori, e l’abbiamo chiamata ‘lavori verdi e socialmente responsabili’, proprio per indicarne l’impatto positivo sull’ambiente e sul sociale. Aggregare tali opportunità di lavoro, oltre che essere utile, è innanzitutto un messaggio molto importante: si può lavorare per migliorare il mondo. Così è nato Greenjobs.it

Subito dopo ci siamo accorti che svolgere questo tipo di lavoro ha un impatto profondo sulla persona: da un lato è motivante e coinvolge nell’attività che si svolge, proprio perché ha una finalità positiva; dall’altro ha una ricaduta sul benessere psicologico della persona, in quanto consapevole di svolgere un’attività Giusta.

Due elementi che non si sono mai parlati iniziano a dialogare: la componente psicologica (empowerment, autoefficacia, motivazione, coinvolgimento, benessere psicologico) e la green economy (intesa come paradigma socio economico).

Allora abbiamo capito che la green economy può essere una leva enorme per attivare energie nella persona, coinvolgerla, motivarla, farla sentire partecipe della costruzione di una società nuova, inserendosi perfettamente nelle politiche cosiddette ‘attive’ del lavoro, ed in particolare dell’orientamento. Così è nato lo Sportello Green Jobs.

I risultati di un anno di sperimentazione non fanno altro che confermare questo.

Non solo. Tale attivazione, che abbiamo chiamato ‘accelerazione motivazionale’ è una leva potentissima anche per l’avvio di impresa. Allo Sportello circa 1 utente su 5 ha valutato di avviare un proprio progetto imprenditoriale.

La green economy è anche un processo storico, che riguarda gli anni che stiamo attraversando. Rappresenta una macro visione economica e sociale, che al pari delle precedenti rivoluzioni industriali può guidare la società verso una dimensione nuova, migliore, evoluta. Per questo l’effetto che ha sul singolo può diventare ‘virale’ e contagiare intere masse di persone, creando un reale cambiamento.

Quale sfida può essere più affascinante?

Quindi mettiamoci all’opera!

Report sperimentazione Sportello Green Jobs: un successo clamoroso

sportello green foto

Lo Sportello Green Jobs, realizzato dalla collaborazione tra Città dei Mestieri di Milano e Associazione Greenin’People, si sta rivelando un successo clamoroso, oltre le migliori aspettative.

Nato come progetto pilota, si pone come modello unico e del tutto innovativo nel panorama dei servizi pubblici per il lavoro sia per quanto riguarda la tematica (i green jobs) sia per l’approccio (acceleratore motivazionale) (maggiori info sul progetto su Sportello Green Jobs).

I numeri vengono a supporto di questa affermazione: nei primi 8 mesi, a fronte di un’apertura settimanale di 6 ore, il numero di utenti che ha usufruito del servizio è stato di 199 unità, saturando completamente la disponibilità in termini di tempo.

Ma il dato che più sorprende è la soddisfazione degli utenti rispetto al servizio (dati raccolti in modo anonimo attraverso schede di customer satisfaction): il 64,5% si dichiara ‘molto soddisfatto’ (valutazione massima), mentre il 35,5% si dichiara ‘abbastanza soddisfatto’. Nessun utente (0%) si dichiara ‘poco soddisfatto’ o ‘per nulla soddisfatto’, mostrando quindi come il 100% degli utenti abbia apprezzato il servizio offerto.

I dati riportano inoltre un’equa ripartizione delle fasce d’età, con una leggera preponderanza della fascia 30-39 (39,2%); leggermente più maschi (55,8%) e con un titolo di studio superiore (Laurea 64,5%). Un altro dato che colpisce è la provenienza geografica degli utenti: il 10,8% degli utenti proviene da fuori provincia di Milano e addirittura da altre regioni, come Piemonte, Trentino Alto Adige, Lazio e Calabria, dimostrando come l’unicità del servizio offerto abbia richiamato utenti provenienti da località molto distanti.

Sono riportati anche tutti i commenti ricevuti, sia in modo anonimo sulle schede di customer satisfaction, sia pubblicamente visibili sul gruppo linkedin ‘Green Jobs Italia’, collegato all’iniziativa. Anche in questo caso il riscontro è estremamente positivo.

L’ultima parte del Report è dedicata ai riconoscimenti ricevuti in soli 8 mesi di attività: dall’invito a presentare il progetto a Fiere e Festival di primaria importanza nazionale e internazionale (Festival dell’Economia di Trento, Fiera IOLAVORO di Torino, Fiera ECOMONDO di Rimini ecc…) ad autorevoli articoli di stampa che ne delineano l’innovatività, l’unicità e l’importante impatto dell’iniziativa (Avvenire, Il Mattino di Napoli, IoDonna – Corriere della Sera, TrentinoMese, Nuovi-lavori.it).

Si può affermare che lo Sportello Green Jobs rappresenti un’importante innovazione nei servizi pubblici per il lavoro, ponendosi in modo coerente con le direttive europee e nazionali di sviluppo delle politiche del lavoro green (http://www.regionieambiente.it/green-economy/green-jobs/1479-lunep-ha-predisposto-un-nuovo-toolkit-di-green-economy-per-decisori-politici.html) (http://www.tekneco.it/ambiente/la-green-economy-e-il-nuovo-modello-di-sviluppo/).

Concludiamo dicendo che questo progetto si pone come servizio estremamente apprezzato dagli utenti, dal grande impatto sociale e che può rappresentare un modello, da potenziare e soprattutto da esportare in altre Città, Province e Regioni italiane.

Leggi il Report completo: Report Sportello Green Jobs